Eliminare la cellulite sulle cosce:i metodi naturali che aiutano a combatterla

Ogni anno nel tentativo di eliminare la cellulite sulle cosce e provare a nascondere quell’ effetto buccia d’arancia si prova più frustrazione che soddisfazione nel momento in cui arriva l’ appuntamento più temuto da tutte le donne.

“La prova costume!”

Tra centinaia di diete ed esercizi proposti è come sentirsi incatenate in questo inestetismo della pelle.

Molte donne infatti sarebbero disposte anche a ricorrere alla chirurgia, quando invece è possibile eliminare la cellulite dalle gambe in modo naturale.

La Natura ha sempre la soluzione 100% BIO anche per inestetismi difficili da combattere come la cellulite sui glutei.

Per  eliminare la cellulite sulle cosce basta seguire 2 semplici accorgimenti da affiancare ad una soluzione innovativa del settore nel 2018.

Se vuoi liberati dell’effetto buccia d’arancia, il tuo impegno inizia da qui, da questa lettura.

Scopri il metodo naturale e automatico per combattere la cellulite velocemente su gambe e glutei. Elimina la cellulite sfruttando il tuo calore corporeo!

Come me, molte donne ricercano informazioni su come eliminare quei buchi nelle cosce ed ecco il motivo per cui ho deciso di scrivere un articolo in cui riportare consigli riguardo rimedi e strategie efficaci per eliminare la cellulite.

Se c’è un’area davvero problematica per molte donne da cui si cerca disperatamente di eliminare la cellulite sono le cosce.

La cellulite sulle gambe è una situazione difficile da migliorare soprattutto se consideriamo esclusivamente i rimedi che ci sono stati proposti fino ad oggi.

Come eliminare la cellulite in poco tempo

Ecco come eliminare la cellulite sulle cosce senza ricorrere a diete drastiche e trattamenti fallimentari.

Le cosce e i glutei sono il punto più comune nel corpo di una donna in cui si sviluppa la cellulite e non esistono diete o esercizi per la cellulite che singolarmente permettono di eliminare la cellulite definitivamente.

La cellulite sulle gambe è presente indipendentemente dal peso e corporatura di una donna, da questo ne deriva che la cellulite non è una diretta conseguenza dell’ obesità.

Avrai sicuramente notato che esistono donne magre con la cellulite, e sfido chiunque a non voler conoscere un metodo efficace per come riuscire ad eliminare la cellulite sulle cosce definitivamente in un mese.

Infatti, anche donne con fisici esili o che hanno appena perso peso, possono convivere con fianchi che debordano e glutei flaccidi.

L’adiposità localizzata si manifesta qualsiasi sia la predisposizione fisica e la cellulite non è una problematica legata esclusivamente al peso in eccesso.

In questo articolo trovi alcuni consigli semplici, ma diretti che possono aiutarti seriamente a disfarti della cellulite che hai sulle gambe.

Se non hai avuto fortuna con l’utilizzo di:

  • creme anti cellulite efficaci:
  • massaggi drenanti;
  • trattamenti fanghi anticellulite;
  • pressoterapia;
  • e altri trucchi poco credibili,

quello che ti rivelo nelle seguenti righe sarà la soluzione che stai cercando da tempo, poiché ti rivelo il naturale processo per eliminare la cellulite sulle cosce e glutei anche in 30 giorni.

Come eliminare la cellulite sui glutei

Come eliminare la cellulite sulle cosce naturalmente e cosa impedisce di combattere l’effetto buccia d’arancia su cosce e glutei.

Con un po’ di impegno è possibile restituire un tono piacevole alle pelle delle tue gambe e riacquisire sui glutei quell’elasticità che sembra ormai persa per sempre.

come eliminare la cellulite sulle cosce

 

La ragione delle irregolarità che si generano è da ricercarsi nel grasso presente nel tessuto connettivo ubicato sotto la pelle.

Dato che il grasso è soffice, non agisce come il muscolo e conferisce alla pelle un aspetto conosciuto come “effetto buccia d’arancia”.

Questo si aggrava a causa della cattiva alimentazione, gli squilibri ormonali e la mancanza di metodi appropriati d’esercizio, ma non dipende esclusivamente da questi fattori.

Come eliminare la cellulite in un mese

Se fosse possibile raggiungere un risultato soddisfacente in maniera naturale in un mese, saresti disposta almeno a provarci?

Come puoi aiutarti ad eliminare la cellulite sulle cosce e disfarti della cellulite sulle cosce DA QUI AD UN MESE!

Grazie a ricerche mirate e alla tecnologia i rimedi naturali più efficaci per eliminare la cellulite sulle cosce velocemente in un mese, sono oggi più che mai abbastanza prevedibili se ci si affida alle proprietà naturali e alle funzioni del nostro organismo

Combattere la cellulite velocemente è possibile seguendo questi semplici consigli.

Iniziamo da sfatare alcuni falsi miti.

Ci tengo a fare alcune precisazioni che cambiano il modo con cui è necessario approcciarsi per eliminare la cellulite.

Se seguirai alla lettera i miei consigli, è molto probabile che questa sarà l’ultima volta che ti domanderai “come eliminare la cellulite dalle cosce”,

poiché a breve conoscerai tutto ciò che è fondamentale sapere a riguardo.

  1. Bere Acqua

bere acqua può aiutare a ridurre la cellulite, ma non per le ragioni che si ascoltano normalmente. L’acqua, infatti, non elimina le “tossine” della cellulite o cose simili.

L’acqua aiuta la pelle migliorandone l’elasticità e rendendola più soda e giovane.

Questo permetterà di ottenere una pelle migliore su cosce e natiche, ma solo dopo aver restituito tono al gluteo e alle cosce.

Sarebbe troppo bello curare definitivamente la cellulite con l’acqua, non credi?

  1. Fare Esercizio

Molti “esperti” affermano che correre, andare in bicicletta e eseguire esercizi cardiovascolari sia una buona maniera di disfarsi della cellulite.

Sebbene questo sia certo, senza dubbio non è la maniera più rapida o più efficace per ottenere risultati visibili al tatto e alla vista.

Contrariamente alla credenza popolare, eseguire esercizi di resistenza restituirebbe un risultato migliore e più rapido e questo metodo di allenamento è anche più efficace per bruciare il grasso rispetto agli esercizi cardiovascolari.

Puoi perdere peso, ma questo non comporterà l’eliminazione della cellulite, che come abbiamo visto è presente anche su fisici di donne magre.

Allora è possibile eliminare la cellulite sulle cosce e glutei o sono destinata a convivere con questo inestetismo a vita?

Assolutamente è possibile combattere la cellulite!

Di fatto, seguendo specifici accorgimenti e avendo cura di se, è più semplice del previsto e a qualsiasi età è possibile impegnarsi per eliminare la cellulite autonomamente.

Non essendo una patologia direttamente causata esclusivamente dal nostro comportamento alimentare, né dipendente dall’ esercizio fisico o dalla propria predisposizione genetica, è possibile intervenire esternamente, attraverso un metodo completo che prende in considerazione tutti i fattori che favoriscono la formazione della cellulite e fa leva su un trattamento intensivo di rassodamento del tono della pelle ed eliminazione definitiva dell’effetto buccia d’arancia.

Come estetista specializzata ho visto molte donne ottenere risultati spettacolari di perdita peso, ma solo combinando una dieta equilibrata + un’attività fisica costante + l’applicazione di un trattamento anti cellulite specifico a casa sono riuscite a restituire tono alle proprie cosce e regalarsi glutei alti e sodi.

Questa è una routine che con semplici trucchi relativi al trattamento cutaneo permette di disfarsi realmente della cellulite in poche settimane.

Attenzione, non è semplice eliminare la cellulite sulle gambe ed è richiesto il tuo impegno diretto a casa se vuoi avvalerti di questi miei consigli riguardo il trattamento anticellulite più efficace che al momento io conosca.

Partiamo dal principio.

Se vuoi ridurre la cellulite è molto importante trattare i fattori che la causano.

La causa principale della cellulite sono gli squilibri ormonali per cui si rompono le fibre di collagene della pelle e aumenta l’accumulo di grasso nel corpo.

Questo metodo permette di eliminare la cellulite sulle cosce in un mese e comprende sostanzialmente 3 attività di personal care.

come eliminare la cellulite sulle cosce

Come ti dicevo è necessario preoccuparti del tuo fisico, del tuo benessere, del tuo corpo, perché nessuno può farlo meglio di te.

L’utilizzo di prodotti anticellulite efficaci (in combinazione con una dieta sana ed esercizio fisico che permettono di controllare i cambiamenti ormonali), restituisce alla pelle quel tono bello da vedere e da toccare.

Ecco come:

  1. Alimentazione corretta

È fondamentale un’alimentazione corretta, che è l’aspetto prioritario: idratarsi mangiando cibi che contengono oltre l’acqua i sali minerali: quindi le verdure, riducendo tutti quei cibi che contengono carboidrati insulinici, come pasta, pizza, legumi.

Solo effettuando modifiche nell’alimentezione e segunedo uno stile di vita corretto, è già possibile ridurre la cellulite in poche settimane.

È importante destinare la propria alimentazione verso i vegetali ma non la frutta che contiene zucchero pericoloso per la ritenzione dei liquidi sottocutanei come il fruttosio, ma le verdure che sono drenanti e diuretici naturali.

Evitare il più possibile i dolci! Ti consiglio di eliminarli per il corso del trattamento.

  1. Attività fisica

Per impedire che perdendo liquidi e massa grassa sottocutanea la pelle resti decadente, perda la sua elasticità e diventi una problematica da un punto di vista estetico, camminare tutti i giorni per ridare tono alla muscolatura e assottigliare la parte inferiore del corpo alternata ad esercizi di resistenza. Qui trovi alcuni esercizi per dimagrire le cosce.

[video_player type=”youtube” youtube_remove_logo=”Y” width=”560″ height=”315″ align=”center” margin_top=”0″ margin_bottom=”20″]aHR0cHM6Ly95b3V0dS5iZS9uekFEdHBXTGxvUQ==[/video_player]

  1. Idratazione

È necessario idratare cosce e glutei attraverso trattamenti estetici specifici e localizzati utilizzando creme a base di principi attivi naturali. Recenti studi condotti dalla dott.ssa Dr.ssa Giovanna Menegati riportano gli effetti dei polifenoli contenuti nei semi d’uva biologica, per esempio rivelatesi come una vera innovazione nella cosmetologia e efficaci per eliminare la cellulite.

Tuttavia per contrastare la cellulite efficacemente è sempre meglio utilizzare creme di qualità e che NON contengano:

  • idrocarburi derivati dal petrolio ritrovabili nella maggior parte dei prodotti di cosmesi
  • alcol
  • parabeni
  • paraffine
  • derivanti animali e no test su animali

Invece assicurati, prima di acquistare un prodotto anti-cellulite che ci sia presenza di sostanze di natura lipidica che contribuiscono alla costituzione della barriera lipidica.

Controlla sull’ etichetta della crema anti cellulite naturale che ci sia presenza di Ceramide 3, poiché la Ceramide 3 è in grado di ripristinare e mantenere intatta la barriera epidermica.

Penetrando nella pelle in profondità grazie ai lipidi euretici, purifica e permette di recuperare un tono piacevole alle gambe e garantisce un effetto balsamo in zona cosce e glutei in grado di restituire bellezza e autostima indispensabile da recuperare soprattutto nei mesi estivi in cui resta sempre una priorità eliminare la cellulite sulle cosce.

Aggiornerò questo contenuto periodicamente riportando la mia esperienza diretta.

Se no vuoi perderti gli aggiornamenti basta un click sul pulsante “Mi Piace” per seguirmi anche sui social.

Macchie rosse sul viso: come tenere sotto controllo la rosacea

Hai delle macchie rosse sul viso da qualche anno ormai, niente di grave, ma esteticamente ti danno fastidio e finora nessun dermatologo ha saputo aiutarti molto se non dicendoti che si tratta probabilmente di rosacea.

Vuoi sapere come curare la rosacea e quali sono i migliori rimedi per eliminare le macchie rosse sul viso?

In questo articolo non mi limiterò a raccomandarti un altro dermatologo o quali farmaci devono essere presi per combattere la rosacea, bensì condividerò con te rimedi per tenere sotto controllo la rosacea, 6 suggerimenti pratici che puoi attuare da subito.

Macchie scure sulla pelle:  come togliere le macchie scure dal viso

Invece, se anche tu sei affetta da rosacea come lo sono stata io in passato, ti è mai capitato di arrossire anche quando non sei in imbarazzo?

Hai notato la comparsa di macchie rosse sul viso, degli arrossamenti del viso temporanei dopo i pasti?

Un pomeriggio trascorso al sole lascia il tuo viso arrossato per giorni?

Oppure, dopo una corsa o attività fisica, accusi vampate di calore al viso a lungo?

Probabilmente hai la rosacea, una condizione della pelle che in Italia si stima interessi una donna su dieci.

Bene, in questo articolo affrontiamo insieme il problema della rosacea.

Ti propongo 6 rimedi per la rosacea, per tenerla sotto controllo con una corretta cura della pelle.

In più, attraverso dei semplici cambiamenti alla tua routine, potrai beneficiare dell’esercizio fisico senza dover preoccuparti delle vampate!

Macchie rosse sul viso: cos’è la rosacea?

La “maledizione dei celti” (una delle definizioni date al disturbo), si presenta con vampate di calore e arrossamento sul viso, e se la condizione peggiora, si possono verificare attacchi infiammatori in cui la regione di guance e naso si riempie di piccole pustole.

Probabilmente è per questa ragione che le persone affette da rosacea si sottraggono facilmente all’allenamento fisico.

Purtroppo, le cause della rosacea sono ancora sconosciute, tuttavia entrano in gioco disturbi della circolazione del volto e la presenza di un acaro noto come “Demodex” che contamina la cute.

Lo stress, l’esposizione al sole, alcol, caffeina, temperature estreme, e alcuni cibi piccanti,

possono essere tutti fattori scatenanti, ed è una buona idea continuare nella lettura per sapere come si possono evitare le macchie rosse sul viso e ridurre al minimo i focolai attraverso dei rimedi naturali per la rosacea.

Macchie rosse sul viso: consigli e rimedi per combattere la rosacea

macchie rosse sul viso

Mi capita spesso di assistere donne con macchie rosse sul viso e affette da rosacea ed è impressionante notare la facilità con cui si arrendono al problema, probabilmente perché non si conosce la gravità.

Anche se al primo stadio, è importante non ignorare la rosacea, perché può peggiorare progressivamente.

Quello che inizia come un leggero rossore momentaneo intorno alle guance e al naso, progressivamente può sfociare in rosacea infiammatoria che colpisce i vasi sanguigni fino al punto in cui diventano molto visibili, accompagnati da macchie rosse sul viso, arrossamento permanente, prurito e pustole che ricoprono tutto il viso.

La pelle diventa ultrasensibile se affetta da rosacea.

Trattamenti per eliminare le macchie rosse sul viso.

I Trattamenti variano in base allo stadio della malattia e in base alla gravità dovrebbe essere consultato un dermatologo per davvero.

È bene sapere che la rosacea può essere difficile da trattare.

Anche se le nuove strategie, dall’ assunzione di antibiotici ai trattamenti laser per la rosacea o luce pulsata, si sono dimostrate efficaci, ma non definitivi e molte volte con seguito di effetti collaterali per la pelle.

La chiave è essere paziente:

inizia con l’evitare lozioni e detergenti irritanti, utilizza ogni giorno la crema solare con SPF e prosegui di seguito con la soluzione!

Non sempre “nuovo” significa migliore.

Quando si tratta di macchie rosse sul viso, la terapia olistica potrebbe essere la soluzione più adatta per combattere la rosacea.

Dopo tutto, ci sarà pur un motivo se per secoli si è ricorso alle cure della tradizione cinese, ayurveda, omeopatia, naturopatia.

Trattare la pelle dall’interno, con una sana alimentazione e un corretto stile di vita e da un punto di vista globale, offre benefici di salute e bellezza all’esterno.

Macchie rosse sul viso: come tenere sotto controllo le vampate di calore

I fattori che fanno emergere le macchie rosse sul viso, variano da persona a persona, e i mesi più caldi in genere peggiorano i sintomi.

Eccoti alcuni consigli un per mantenere le macchie rosse sul viso sotto controllo!

1.“Rinfrescati”

macchie rosse sul viso e la rosacea sono notevolmente aggravate dal calore. I rossori sono più frequenti e durano più a lungo. Quando avverti il viso riscaldato, prendi un drink freddo o applica  un impacco freddo sul viso per abbassare la temperatura della pelle.

2.Rafforza la tua protezione solare.

Tutti hanno bisogno di proteggere la pelle dal sole, ma la pelle con rosacea è più sensibile e anche l’esposizione al sole senza protezione può innescare un focolaio. Indossa un cappello e proteggi spesso la pelle con protezione SPF 30.

3.Ricorri all’aloe.

Se hai una pianta di aloe può essere vantaggioso applicare direttamente sulla pelle la foglia di aloe per contribuire a ridurre l’infiammazione con un effetto lenitivo e di raffreddamento.

4.Trova le cause scatenanti.

Individuare le cause personali che provocano la rosacea,  ti permette di evitare macchie rosse sul viso e l’aggravarsi del disturbo.

Mi spiego meglio.

Di seguito ti propongo una lista dei fattori più comuni che fanno emergere le macchie rosse sul viso che determinano la rosacea.

Se fanno parte del tuo stile di vita e se coincidono con i tuoi arrossamenti del viso, eliminali per due settimane e se le vampate di calore sono ridotte al minimo, hai la rosacea sotto controllo!

Fattori che possono scatenare la rosacea

  • Gli alimenti: Fegato, yogurt, panna acida, formaggio (ad eccezione di ricotta), cioccolato, vaniglia, salsa di soia, l’estratto di lievito, aceto,  melanzana, avocado, spinaci, agrumi, pomodori, banane, prugne rosse, uva passa o fichi, cibi piccanti e  cibi ricchi di istamina.
  • Temperature elevate: saune, bagni caldi, ambienti eccessivamente caldi
  • Condizioni atmosferiche: sole, venti forti, freddo, umidità
  • Farmaci: vasodilatatori, steroidi topici
  • Bevande: alcool, soprattutto vino rosso, birra, bourbon, gin, vodka o champagne, bevande calde, tra cui cioccolata calda, caffè o tè.
  • Condizioni mediche: vampate di calore frequenti, menopausa, tosse cronica.
  • Influenze emozionali: stress, ansia
  • Sforzo fisico o esercizio fisico pesante
  • Prodotti per la cura della pelle: cosmetici contenenti sostanze alcoliche o correttori contenenti profumi e conservanti che possono provocare rossori e bruciori.

5.Usa una corretta routine di bellezza

Trattare la pelle delicatamente ed evita tutto ciò che può innescare un’infiammazione della pelle:

  • Utilizza un latte detergente privo di saponi e sostanze schiumogene potenzialmente irritanti.
  • Dal momento che la camomilla è un ingrediente in grado di lenire la pelle incline a rosacea, accertati di utilizzare detergenti e creme idratanti e contenenti camomilla.
  • Evita esfolianti e scrub: qualsiasi tipo di abrasione può causare irritazione.
  • Se utilizzi creme antirughe che contengono alfaidrossiacidi, ingredienti utili per contrastarle, procedi con cautela nell’applicazione.
  • Seleziona solo cosmetici etichettati per la pelle sensibile.
  • Utilizza una protezione solare che elenca tra gli ingredienti principali il “biossido di titanio” ad esclusione di tutti i filtri chimici che risulta meno irritante. Ricorda di usare la crema solare anche quando sei in ombra, poiché sei comunque esposto alla luce solare indiretta.

ATTENZIONE! Consulta il medico se:

Il naso e le guance sono perennemente arrossate ed è presente uno stato acneiforme sulle zone colpite.

6.Rivedi per il tuo stile di vita!

Uno stile di vita più salutare può aiutare a sconfiggere la rosacea. Al bando fumo e stress e via libera all’ esercizio fisico!

Secondo un sondaggio condotto dalla National Rosacea Society, l’83% delle persone affette da rosacea afferma che la condizione si aggravi con l’esercizio fisico.

Evitare l’esercizio è un grave errore per il trattamento della rosacea per non parlare del tuo stato di salute generale.

Tra i suoi numerosi vantaggi, l’esercizio fisico aiuta a ridurre lo stress, una causa comune delle macchie rosse sul viso e della rosacea. Basta modificare la tua routine per evitare di innalzare eccessivamente la temperatura del volto e di conseguenza ridurre i sintomi.

Ecco alcuni consigli!

  • Evita allenamenti ad alta intensità che coinvolgono lo sforzo pesante che può surriscaldare la pelle.
  • Se preferisci il running, svolgi attività all’aria aperta la mattina presto o la sera nelle ore più fresche durante l’estate.
  • Se si pratica attività al chiuso, che sia un luogo fresco e ben ventilato.
  • Se la temperatura esterna è piacevole, apri le finestre per creare corrente.

Infine,

se anche tu hai già riscontrato alcuni sintomi della disidratazione cutanea e cerchi rimedi per la disidratazione della pelle, per ridarle un aspetto più giovanile e radioso – Leggi qui 

Ricorda di bere molta acqua, indipendentemente da quanto esercizio fisico esegui.

Da 10 ai  12 bicchieri di acqua al giorno sono raccomandati per aiutare la funzione del sistema di raffreddamento naturale del corpo in modo corretto per combattere la rosacea e evitare l’insorgere di macchie rosse sul viso.

Disidratazione cutanea: come avere una pelle idratata e sana

Se anche tu hai riscontrato alcuni sintomi della disidratazione cutanea e cerchi rimedi per la disidratazione della pelle, per ridarle un aspetto più giovanile e radioso, sappi che la disidratazione cutanea è il nemico numero uno dell’ invecchiamento della pelle e necessiti di rimedi efficaci per cercare di contrastare e limitare i rischi di incorrere in problemi di:

  • secchezza della pelle
  • desquamazione della pelle
  • prurito alla pelle

 

 

Attenzione!

 

Se combattere l’invecchiamento è il tuo obiettivo e la disidratazione cutanea è il tuo problema principale, non applicare altre creme anti-età prima di aver letto questo articolo!

disidratazione cutanea

 

 

Proprio così, puoi impiegare tutti i migliori prodotti anti-age per la cura della pelle esistenti al mondo, ma se la tua pelle non è sana e ben idratata non avrai mai risultati ottimali.

 

 

La tua pelle non sarà mai al massimo del suo aspetto!

 

Esiste una stretta correlazione con le cause della pelle disidratata e il problema della  all’invecchiamento precoce della pelle e per comprendere meglio gli effetti della disidratazione cutanea, eccoti una similitudine perché lo ritenga uno tra i fattori più importanti se non quello fondamentale per contrastare l’invecchiamento precoce della pelle.

 

E’ come cercare di ridipingere l’esterno di un edificio senza aver rimosso la vecchia vernice.

Potrai aggiungere tutta la vernice fresca che desideri ma senza una base adeguata, perdi l’opportunità di ottenere un aspetto ottimale della pelle.

 

La parola d’ordine è “idratazione” della pelle, poiché una pelle ben idratata è sinonimo di pelle sana.

Milioni di persone hanno problemi di disidratazione cutanea e qualsiasi agente o condizione che elimini l’acqua dalla superficie cutanea contribuisce a disidratarla, indipendentemente dal tipo di pelle.

Le insidie sono sempre dietro l’angolo, dallo stress dovuto ai cambiamenti di temperatura, ai viaggi, così come le abitudini alimentari non salutari, la mancanza di sonno, i medicinali e un’errata cura della pelle possono disidratare la pelle.

 

 

Questo vale anche per chi ha la pelle grassa non solo per chi ha la pelle secca.

 

 

Erroneamente si pensa che pelle secca e pelle disidratata siano la stessa cosa.

Per fare un po’ di chiarezza in proposito e per scoprire qual è la differenza e imparare come idratare la pelle e prenderti cura della tua idratazione, qualunque sia la tipologia di pelle, ho in riservo per te una soluzione semplice ed efficace.

Iniziamo a definire le differenze:

  • La pelle secca è una tipologia di pelle carente di lipidi o oli naturali, è dettata dal patrimonio genetico e può essere migliorata con cure e prodotti specifici ma mai modificata.
  • La pelle disidratata, invece, è un disturbo cutaneo provocato da cause eterne che portano ad una carenza di acqua negli strati cutanei più esterni.

 

Da questa precisazione, ne deriva che…

 

anche la pelle oleosa o mista può risentire dei fattori esterni e andare incontro al problema della disidratazione cutanea.

 

 

Se ti stai chiedendo in caso di pelle disidratata come si presenta,

e come puoi capire se la tua pelle è secca o disidratata,

quindi se ha bisogno di lipidi o di acqua…

 

 

In entrambi i casi la pelle tira, prude e dà una sensazione sgradevole, quindi

per capire la differenza eccoti una soluzione immediata!

 

Esegui questo un piccolo test che puoi facilmente effettuare autonomamente per scoprire se la tua pelle è secca o disidratata.

Partendo dalla mascella, spingi leggermente la superficie cutanea verso l’alto.

 

Se la pelle non è elastica e si increspa, non c’è dubbio:

la tua pelle è disidratata e necessita di un trattamento intensivo!

 

È fondamentale comprendere che un corretto stato d’idratazione è essenziale per il mantenimento della struttura e delle funzioni fisiologiche dell’epidermide.

 

Uno stato iniziale di secchezza, se tralasciato, diventa permanente predisponendo la pelle a danneggiarsi, screpolarsi e alla comparsa di rugosità e opacità.

 

La buona notizia è che quando la pelle disidratata riceve una scarica di idratazione, le cellule si rimpolpano istantaneamente, restituendo un aspetto giovanile e radioso.

 

Riportare l’idratazione a un livello ottimale significa adottare un approccio a più fasi.

Per prima cosa l’idratazione interna è fondamentale:

  1. fai in modo di bere tantissima acqua ogni giorno e seguire una dieta varia ricca di frutta e verdura.
  2. se l’aria di casa è secca a causa dell’aria condizionata o de riscaldamento centralizzato, ti consiglio di procurarti un umidificatore.

 

In secondo luogo concentrati sul nutrimento dall’esterno applicando sulla pelle agenti idratanti naturali per mantenere il rinnovo cellulare e intrappolare l’idratazione.

 

Per poter apparire morbida e levigata, la pelle ha bisogno di un livello adeguato di acqua negli strati più superficiali.

 

 

Di seguito ti confido una guida essenziale sul comportamento da adottare per risolvere il problema della disidratazione cutanea a seconda della tipologia di pelle.

 

disidratazione cutanea

 

Se hai la pelle secca, ricorri a ingredienti idratanti, quali umettanti, oli naturali, acidi grassi omega-6 e ceramidi.

 

La detersione, deve essere molto delicata, deve rispettare il film idroli­pidico, non deve disidratare la pelle e non essere troppo schiumogena.

 

La produzione di schiuma nell’immaginario collettivo viene spesso associata all’idea di buona pulizia, in realtà è un errore.

 

Se hai pelle grassa e oleosa, sicuramente anche tu sarai caduta nella tentazione di purificarla ed esfoliarla con prodotti molto forti che, nel tentativo di ridurre il sebo, aggrediscono la pelle e la disidratano, con un effetto controproducente: in questo caso la pelle, si difende producendo sebo in eccesso.

 

Rimanere idratati e avere un aspetto sano dopotutto è abbastanza semplice se applichi costantemente i due suggerimenti qui sopra, ma lascia che ne aggiunga un ultimo…

Il migliori consigli che riguardano il tuo tipo di pelle li trovi qui se hai meno di 35 anni, invece se rientri nella fascia di età dai 35, questa è la soluzione migliore per te.

Ricorda l’importanza di utilizzare un idratante creato per il tuo tipo di pelle specifico e bevi tantissima acqua per superare il problema della disidratazione cutanea.

Come curare la pelle del viso: 5 segreti per mantenere la pelle giovane e fresca

Se stai cercando informazioni efficaci su come curare la pelle del viso, in quest’articolo condivido con te un piccolo grande segreto, che ne contiene altri 5!

 

come curare la pelle del viso

 

Prima di elencarti questi segreti di bellezza e dirti come curare la pelle ti permette di garantire salute e luminosità al tuo viso, lascia che ti sveli subito il segreto più importante per avere una pelle perfetta ogni giorno.

 

Probabilmente alcuni di loro li conosci già, in quanto coincidono con le fasi di una corretta routine quotidiana per la pulizia della pelle.
Difatti, il vero segreto è attuare una corretta routine quotidiana con costanza ogni giorno e applicare in successione tutte le fasi che non possono mancare nel rituale quotidiano di pulizia del viso fai da te.
La costanza nell’ applicare questi piccoli accorgimenti, talvolta sottovalutati, permette di mantenere la pelle fresca e giovane e puoi iniziare a metterli in pratica da sola iniziando da ora.

 

 

Aspetta prima di leggere quest’articolo fino in fondo,
i consigli riportati possono aiutarti a cambiare sensibilmente l’aspetto della tua pelle.

 

 

Quelli che sto per rivelarti sono i cinque rituali quotidiani cui non potrai più fare a meno una volta acquisiti e provati, poiché cambieranno il tuo aspetto senza farti spendere cifre esorbitanti e senza toglierti tempo prezioso.

 

Come curare la pelle del viso:

5 semplici ed efficaci manovre che fanno parte di un sistema di “riabilitazione” per la tua pelle che ti permettono di seguire la corretta successione delle fasi per ottenere una pelle più luminosa, giovane, fresca e distesa.

 

 

come curare la pelle del viso

1. Usa sempre il tonico
La pulizia della pelle è la prima vera azione anti-age e costituisce il primo passo per ogni programma di cura della pelle finalizzato a ottenere una pelle fresca, pulita e luminosa.

Il tonico, più di qualsiasi crema, per quanto costosa, rappresenta lo strumento fondamentale per il riequilibrio della pelle, ma è un prodotto spesso poco compreso….

So perfettamente che questo concetto è ripetuto e non mi dilungherò su questo argomento, ma c’è un dato di fatto: il 70% delle donne non usa mai il tonico.

 

Capisco benissimo che il tempo a disposizione è sempre meno e che il tonico può sembrare un complemento superfluo, eppure ci sono delle cose che non si sanno in proposito…

 

L’acqua con cui risciacquiamo il latte o il detergente contiene cloro e calcare che si sedimentano sulla pelle favorendo disidratazione e secchezza cutanea.

Ecco l’importanza del tonico, che con i suoi principi attivi riequilibranti, astringenti, rinfrescanti, neutralizza queste sostanze e le loro azioni negative sulla pelle.

 

L’applicazione del tonico, risulta essere l’equivalente di un trattamento estetico per la pelle.

 

Se non l’hai mai utilizzato prima, provalo per una settimana consecutiva, i risultati sono incredibili e come curare la pelle del viso non sarà più un problema.

Cerca di far ricadere la tua scelta su un tonico non alcolico e privo di profumazioni artificiali.

 

 

come curare la pelle del viso

2. Proteggi la pelle dal sole anche quando non sei al mare o in montagna
Il sole se preso in eccesso rappresenta uno dei nemici più insidiosi della cute.

Infatti può provocare eritemi, scottature, tumori, invecchiamento precoce.

Le radiazioni solari non ci colpiscono solo quando siamo al mare o in montagna, sono sempre presenti:

  • il vetro del parabrezza dell’automobile, riflette la luce solare amplificandola;
  • il tragitto a piedi che facciamo per andare a lavoro,
  • la passeggiata col cane,
  • la corsetta mattutina per tenerci in forma…

 

 

E’ sufficiente una crema con filtri UV per proteggere la pelle e potrai usufruire di non pochi benefici che il sole offre all’organismo:

  • attiva la circolazione,
  • stimola la produzione della vitamina D,
  • accresce la resistenza alle malattie oltre a beneficiarne l’umore

 

 

come curare la pelle del viso

3. Esfolia la pelle ogni settimana
Quante volte fai uno scrub al viso? Uno o due volte al mese, vero?

Eliminare le cellule morte ha un effetto immediato sulla luminosità del viso, rende meno visibili le rughette e stimola il ricambio cellulare permettendo alla pelle di rinnovarsi.

L’esfoliazione dovrebbe essere un processo naturale, ma spesso, a causa dell’invecchiamento, dell’inquinamento e degli squilibri della salute, diversi strati di cellule morte si accumulano sulla cute conferendole il tipico aspetto grigio, opaco e spento.

Ecco perché l’esfoliazione naturale dovrebbe essere un processo quotidiano, quindi l’ideale sarebbe aiutare la pelle a svolgere questo compito con i prodotti esfolianti almeno 2 volte a settimana.

 

L’importante è utilizzare un prodotto idoneo alle proprie esigenze cutanee!

 

È una pulizia viso fai da te equivalente a un vero e proprio trattamento e porta via solo 10 minuti!

come curare la pelle del viso

4. Mangia più frutta
Non tutti considerano l’importanza degli alimenti anti invecchiamento quando si pensa a come curare la pelle del viso.

Seguire una sorta di dieta anti-age è fondamentale, poiché le vitamine contenute nella frutta sono tra i migliori integratori anti age che possiamo introdurre per migliorare l’aspetto della pelle.

L’ideale sarebbe mangiare frutta di stagione che aiuta il corpo ad adattarsi alla situazione ambientale di quel particolare periodo.

Inoltre con la frutta assumiamo anche acqua e se anche tu come me fai fatica a bere il doveroso litro e mezzo al dì in questo modo sai che molti liquidi sono stati introdotti ugualmente rivelandosi un toccasana per la pelle.

 

 

come curare la pelle del viso

5. I benefici di un sonno ristoratore
Probabilmente quest’ultimo segreto ti coglierà di sorpresa.

Hai mai pensato a una cura della pelle del viso senza dover far nulla?

Sfrutta le proprietà rigeneranti del sonno!

Non c’è prodotto migliore che possa dar testa ad una notte di riposo ristoratore.

Durante la notte, la pelle lavora per ricostruirsi, e se le ore di sonno sono troppo poche tolgono luminosità e pienezza al volto.

Stress, emotività e stile di vita delle volte condizionano il sonno riducendo le ore che gli dedichiamo, ma ci sono molti modi per cercare di migliorarlo.

Prova a dormire per 8 ore consecutive ne resterai sorpreso al risveglio!
Anche una buona tisana al tiglio o valeriana, può far miracoli specialmente per chi ha un sonno leggero o disturbato.

 

 

Come curare la pelle del viso dopo una notte insonne.

come curare la pelle del viso

Ti svelo in proposito uno stratagemma che ti può essere utile soprattutto in quelle mattine in cui non hai riposato bene e la tua pelle sembra grigia, opaca, spenta cadente e dimostra 10 anni in più!

Ecco il mio trucco:

lava il viso con acqua ben fredda per decongestionarlo e usa una maschera idratante a consistenza cremosa, qualsiasi sia il tuo tipo di pelle, se anche tu hai i minuti contati. sappi che ne occorrono solo 10.

 

 

Usi inefficaci maschere per il viso fai da te?

Le maschere moderne sono ormai ad azione immediata e gli effetti sono davvero incredibili lasciando il viso luminoso e fresco.

 

Ora che i rituali sono tutti svelati, prova a metterli subito in pratica!

Ci sono molte altre cose che possono aiutare la tua pelle ad avere un aspetto giovane e radioso, scoprilo scaricando gratuitamente il programma più adatto alla tua età e scopri tutto quello che c’è da sapere su come curare la pelle del viso.

 

come curare la pelle matura

Come curare la pelle a 20 anni

Smettere di mangiarsi le unghie: soluzioni all’onicofagia

Chi è affetto da onicofagia vuole assolutamente sapere come smettere di mangiarsi le unghie, e soprattutto se tutti possono riuscirci, poiché,

quest’annosa problematica,

affligge migliaia di persone e può incidere sull’aspetto delle mani e rovinare per sempre le unghie.

 

Mordicchiarsi le unghie è un comportamento comune che si verifica in maniera totalmente o quasi totalmente inconscia.

Si inizia a morsicarsi le unghie, magari per togliere delle cuticole antiestetiche, ma quando questo comportamento si manifesta senza alcuna finalità cosciente, la cattiva abitudine di mangiarsi le unghie ha già preso il sopravvento.

L’onicofagia è un vero e proprio disturbo ossessivo-compulsivo, sintomo di un disagio più profondo che trova le sue radici nell’ansia e nel nervosismo ed è causa di 2 fattori che ne determinano la persistenza e la difficoltà di smettere di mangiarsi le unghie.

  1. La frequenza con cui ci si mangia le unghie;
  2. l’importanza che si associa all’atto di mordersi le unghie con il sollievo temporaneo che può scaturirne.

 

Maggiore sarà la necessità di effettuare questo insano gesto, tanto più difficile sarà smettere di mangiarsi le unghie.

Come tutte le cattive abitudini non è affatto semplice trovare online efficaci rimedi per non mangiarsi le unghie e il motivo ricade essenzialmente su aspetti comportamentali molto difficili da mutare.

 

Le abitudini si formano quando il cervello innesca il “pilota automatico” e inconsciamente trova nella reazione di mangiarsi le unghie, la risposta pregressa più veloce da attuare.

 

E’ come se la mente affermasse:

se in passato ha funzionato , funzionerà ancora!

 

Esistono alcuni rimedi per smettere di mangiarsi le unghie e con quelli che ti propongo in quest’articolo difficilmente tornerai a mangiarti le unghie in maniera ossessiva in quanto finalmente apprenderai

smettere di mangiarsi le unghie

  • Come curare le unghie mangiate;
  • quali sono i metodi comuni per non mangiarsi le unghie;
  • i prodotti utili per non mangiarsi le unghie;
  • come far crescere le unghie;
  • come fare ricorso all’utilizzo dello smalto per smettere di mangiarsi le unghie.

Questa tendenza non nasce casualmente e solo chi ne soffre da tempo può capire realmente che mangiarsi le unghie può rivelarsi un vero problema da non riuscire più a controllarlo, sia dal un punto di vista della salute e sia dal punto di vista sociale.

 

Ti mangi le unghie?

Eccoti i miei rimedi per non mangiarsi le unghie

 

E’ bene si, ne so qualcosa anch’io!

 

Le mie mani hanno rappresentato il mio punto debole per un po’ di anni e non solo a livello puramente estetico.

Infatti ero in difficoltà soprattutto quando mi trovavo con altre persone e entravo in uno stato di totale imbarazzo nel mostrare le mie mani.

 

Questo è il colmo per un’onicotecnica!

 

 

Smettere di mangiarsi le unghie

Diciamoci la verità, una mano con le unghie consumate e con cuticole spesso insanguinate non danno una buona impressione e addirittura può far pensare ad una persona timida con scarsa autostima e addirittura dall’ atteggiamento autolesionistico.

 

 

 

Era più forte di me, mordicchiavo le unghie senza rendermene conto, inizialmente per tenere a bada un disagio o uno stato di ansia finché non è diventata un’abitudine consolidata.

Ricordo ancora il dolore atroce che mi tormentava per giorni, per non parlare della motilità tattile pressoché ridotta.

Con tanta motivazione e impegno ho finalmente trovando la soluzione che mi ha permesso di superare definitivamente il problema dell’onicofagia.

Sia grazie alla passione per il mondo del nail care, che è diventata in seguito anche il mio lavoro, sia all’idea molto allettante che, smettere di mangiarsi le unghie, avrebbe inciso in positivo su questa mia professione.

Queste sono state le due motivazioni principali che mi hanno portata a trovare una soluzione efficace come smettere di mangiarsi le unghie.

 

E poi quando tutte ti fanno i complimenti per le mani sempre ben curate, bè…

questi momenti sono una ricompensa molto gratificante!

 

Il segreto è quello di avere delle motivazioni a medio e lungo termine più grandi del sollievo momentaneo che può dare il mordicchiarsi le unghie.

 

Pensaci un attimo…

preferisci avere un pezzo di torta oggi o tutta la torta domani?

 

Maggiori saranno le motivazioni cui darai priorità, meglio riuscirai a superare le difficoltà che si possono incontrare nell’ intento di smettere di mangiarsi le unghie.

 

 

 

Il mio intento in questo articolo è proprio quello di aiutare anche te a correggere l’errato comportamento onicofagico sfruttando la stessa strategia che ho utilizzato su me stessa per smettere di mangiarsi le unghie

 

Smettere di mangiarsi le unghie

Seguendo la soluzione che ti propongo non dovrai più convivere con delle mani danneggiate e dall’aspetto sgradevole dovuto a infiammazioni nella zona del perionichio (pelle che circonda l’unghia lungo tutto il suo perimetro laterale e prossimale) e ad un letto ungueale striminzito.

 

 

Ecco alcune correzioni che io stessa ho adottato per debellare definitivamente il problema, che ti permetteranno di iniziare un percorso di rieducazione.

Ovviamente come mi è accaduto personalmente, non ti propongo soluzioni inutili e temporanee come possono essere i bendaggi occlusivi, ovvero portare dei guanti o ricoprire le dita con dei cerotti.

Portando automaticamente le dita alla bocca, tenderai a ritirarle una volta riconosciuta la stoffa invece dell’unghia.

Le unghie ,però, non crescono in due giorni e tanto meno l’ossessione di mangiarsele non svanisce magicamente, di conseguenza è impensabile indossare per un tempo prolungato dei guanti come penitenza.

 

Ecco il mio programma di rieducazione!

 

smettere di mangiarsi le unghie

 

Step 1

Per prima cosa prendi consapevolezza che il disturbo scaturisce da profonde motivazioni psicologiche per cui impara a gestire l’ansia, la rabbia o le paure.

 

 

Il primo consiglio per smettere di mangiarsi le unghie è di rieducare la tua mente a incanalare lo sfogo non più verso te stessa, ma all’ esterno.

L’aggressività che scaturisce da questo disturbo, se indirizzata nel modo giusto può dar vita a meravigliose espressioni creative che possono sfociare nell’ arte o nello sport.

 

Nel mio caso ho iniziato a praticare una costante attività sportiva all’ aperto come il running, che mi ha aiutato a scaricare rabbia e tensione.

Ti consiglio di provare alcune tecniche di gestione dello stress e vedrai che man mano riuscirai ad ottenere il controllo del tuo comportamento.

Allo stesso tempo cerca di non sottovalutare la cura delle mani.

Iniziando ad avere maggiore cura delle tue mani le riserverai maggiore attenzione, proprio come quando si inizia a dar vita a qualcosa che richiede il tuo impegno e vuoi preservarne la sua integrità.

 

 

smettere di mangiarsi le unghieStep 2

Questo secondo consiglio per smettere di mangiarsi le unghie rappresenta la chiave vincente che ti incoraggerà nel percorso di “rieducazione”.

Ho preparato per te un programma personalizzato di nail care, che ti aiuterà a superare gli spiacevoli e imbarazzanti effetti sociali dell’onicofagia, facendo apparire le tue mani finalmente attraenti.

 

 

 

smettere di mangiarsi le unghie

 

Cerca di mantenere le unghie umide e idratate con l’applicazione di un olio specifico per cuticole che ti suggerisco nel mio report  Manicure Perfetta  e una lima a grana molto fine per livellare le irregolarità e le imperfezioni della lamina ungueale.

 

Questa è un’operazione che richiede più attenzione e esperienza, quindi potrai rivolgerti inizialmente da un’onicotecnica esperta e specializzata.

Concediti ogni due settimane una manicure con trattamento specifico di ricostruzione in gel o acrilico, in modo da mantenere stabili e sotto controllo la lunghezza e le condizioni dell’unghia.

 

 

 

come smettere di mangiarsi le unghie

 

Una volta raggiunta la tua lunghezza ideale nel caso in cui tu scelga di passare ad una manicure con smalto tradizionale puoi seguire accuratamente tutti i passaggi che hai potuto apprendere nel report Manicure Perfetta (Se non lo hai ancora scaricato, puoi farlo da qui) prestando attenzione alla scelta del colore più giusto alle tue caratteristiche.

 

 

 

Non applicare mai un colore troppo scuro poiché potrebbe sbeccarsi e nel vederti disordinata, l’ossessione compulsiva prenderebbe il sopravvento.

Bene, il programma di rieducazione personalizzato può dirsi concluso, seguendo tutti i miei consigli e con un po’ di buona volontà noterai subito i primi risultati che difficilmente ti faranno tornare al tuo stato iniziale.

Avere mani e unghie curate ti permettono di acquisire l’autostima e la motivazione necessaria a regalarti benefici psicologici in grado di liberarti da questa sgradevole abitudine.

Come nel mio caso, chi vuole avere delle mani curate ed essere sempre in prima linea, spesso inizia proprio con lo smettere di mangiarsi le unghie.

Rimedi anti invecchiamento: 3 rimedi naturali contro le rughe

3 efficaci rimedi anti invecchiamento che ti permetteranno finalmente di scoprire quali sono le cause che fanno avanzare negli anni.

 

Stai per conoscere ed evitare

  •  gli errori che favoriscono i processi d’invecchiamento e i modi migliori per contrastarlo;
  • 3 rimedi anti invecchiamento in grado di rallentare il processo d’invecchiamento;
  • come curare le rughe del viso in modo naturale modificando un’abitudine comune e imprevedibile;
  • quali sono gli alimenti anti invecchiamento in grado di ridare tono e luminosità alla tua pelle.

 

Se pensi d’ invecchiare velocemente e dimostri più anni di quanti ne hai realmente,

Hai mai pensato di ricercare le cause nelle tue abitudini quotidiane?

 

 

Iniziare a modificare alcune piccole abitudini quotidiane, ti permetterà di conoscere e evitare gli errori che favoriscono l’ invecchiamento della pelle.

 

 

E bene si!
Sia il cibo che mangiamo, sia il modo in cui si dorme possono assecondare l’invecchiamento con conseguenti effetti negativi sulla pelle, l’umore e la durata della vita.

 

Attraverso i rimedi anti invecchiamento che ti propongo si seguito potrai modificare due abitudini opposte che attraggono l’invecchiamento!

Rimedi anti invecchiamento

 

Due abitudini opposte che attraggono l’invecchiamento!

 

ERRORE N° 1

Essere “multitasking” o, al contrario, condurre uno stile di vita sedentario sono il passe-partout per l’invecchiamento.

Essere super impegnati e dover pensare a molte cose, rende la vita frenetica e di conseguenza lo stress di tutti i giorni può gravare sulla salute del corpo, quindi anche sul benessere della pelle.

Diversi studi dimostrano che lo stress cronico provoca il rilascio dei radicali liberi, delle molecole instabili, che danneggiano le cellule della pelle e sono responsabili dell’invecchiamento.

Tra i rimedi anti invecchiamento utili per chi deve fare troppe cose ogni giorno, uno applicabile immediatamente, è avere una buona organizzazione del tempo per riuscire ad affrontare i propri impegni limitando al minimo lo stress.

Scaricare un’app calendario e imparare a gestire settimanalmente i propri impegni si rivela una soluzione efficace e salva stress:

Attivando l’opzione di notifica è possibile ricevere un messaggio o una email che ti ricorda il da farsi senza temere di dimenticarsene e lasciando la mente libera da stress.

Se hai troppe cose da fare, è sempre meglio concentrarsi su un obiettivo alla volta e passare al successivo una volta raggiunto e, all’ occorrenza, imparare a delegare è l’alternativa più efficiente.

 

Viceversa sono ben documentati i pericoli di una vita sedentaria.

Se, per motivi di lavoro o di inerzia, si è costretti gran parte della giornata su una sedia o parcheggiati sul divano, il problema reale non è più l’invecchiamento e i rimedi anti invecchiamento possono servire a ben poco

Rimedi anti invecchiamento

Malattie renali, cardiovascolari e obesità si celano dietro queste cattive abitudini.

 

Infatti, quando si è seduti per più di 30 minuti, il corpo inizia a depositare lo zucchero nelle cellule, favorendo il sovrappeso.

Naturalmente, l’esercizio fisico regolare aiuta a prevenire questi problemi di salute, permettendo di vivere più a lungo.
Alcuni studi affermano dai 10 a 13 anni in più rispetto a chi è inattivo.

 

 

 

ERRORE N°2

Per chi ama i dolci, questo potrebbe essere un ostacolo ostico da superare e rinunciarci non è sempre facile.

 

Esistono rimedi anti invecchiamento per il “dente dolce” che fa invecchiare eccoti alcuni suggerimenti per un’alimentazione anti age.

Rimedi anti invecchiamento

Tuttavia, oltre ad aggiungere chili in eccesso, i dolci aggiungono anche anni in più al tuo viso!

Le molecole di zucchero ancorandosi alle fibre proteiche in ciascuna cellula causano una perdita di luminosità all’esterno, occhiaie, perdita di tono, gonfiori, rughe…

Questi segni visibili dell’invecchiamento annullano il tuo bagliore giovanile e una volta evidenti difficilmente potrai ricorrere a rimedi anti invecchiamento preventivi basati su una dieta antiage.

D’alto canto è anche errato tagliare fuori dall’ alimentazione qualsiasi forma di grasso.

Anch’esso rientra tra  rimedi anti invecchiamento, poichè è risaputea l’azione efficace di “grassi buoni” che fungono da integratori naturali anti age in grado di dare un’ aspetto più giovane alla tua pelle.

rimedi anti invecchiamentoSoprattutto gli omega 3 presenti nel pesce grasso come il salmone e lo sgombro e alcuni frutti a guscio (noci e semi di lino)sono ritenuti alimenti anti invecchiamento che contrastano l’invecchiamento della pelle e mantengono il cuore e il cervello in salute.

 

 

 

 

ERRORE N° 3
Occhio quando vai a letto! 😉

Rimedi anti invecchiamentoIl modo in cui dormi può influenzare la comparsa dei segni dell’invecchiamento.

Dormire a pancia in giù o su u fianco con il viso sul cuscino può creare le rughe e accelerare l’invecchiamento.

Infatti se diventa un’abitudine il collagene del volto si indebolisce e quelle linee di piegatura causate dal cuscino possono diventare permanenti.

Di conseguenza, per poter rimandare i segni dell’invecchiamento, uno dei rimedi anti invecchiamento naturale da adottare è dormire sulla schiena.
…e perché no!?

…mantenere la pelle liscia più a lungo non facendoti mancare una splendida federa in raso!

Ora conosci cosa determina l’invecchiamento precoce della pelle e come puoi intervenire modificando le tue abitudine quotidiane potendo fare affidamento su questi rimedi anti invecchiamento.

Macchie scure sulla pelle:  come togliere le macchie scure dal viso

Le macchie scure sulla pelle e le discromie della pelle: attraverso questo articolo voglio entrare più nel dettaglio e svelarti qualcosa in più sulla cura della pelle affrontando uno dei problemi cutanei più sentiti, che preoccupa milioni di donne nel mondo. 

Un terzo delle donne di età compresa tra 20 e 30 anni e il 40% delle donne con 10 anni in più hanno problemi di iperpigmentazione, un inestetismo che preoccupa addirittura più delle rughe.

Le discromie del tono della pelle colpiscono le donne di ogni età togliendo uniformità al colorito e luminosità all’incarnato.

Continuando nella lettura scoprirai come eliminare le macchie scure sulla pelle partendo dai fattori scatenanti fino a giungere all’applicazione dei metodi più innovativi per raggiungere come risultato più luminosità, compattezza e senza macchie scure sulla pelle del viso.

 

Sono davvero entusiasta di condividere con te tutto ciò che ho imparato sulla pelle!

 

Sarai d’accordo con me che conoscere le cause delle macchie scure sulla pelle

è importante, per prevenirle e migliorare l’aspetto del viso.

 

I segreti per una  pelle sana:  come proteggersi dalle macchie scure sulla pelle

 Macchie scure sulla pelle

La funzione delle cellule che producono pigmenti è proteggerci:

quando compaiono pigmenti irregolari e macchie scure sulla pelle significa che la pelle sta tentando di proteggersi da sola.

Il colore naturale della pelle deriva dai melanociti, le cellule che producono i pigmenti, ed è completamente influenzato dal nostro patrimonio genetico.

Le macchie scure sulla pelle e le zone pigmentate non sono influenzate dal patrimonio genetico, ma sono il risultato di un’anomalia del funzionamento e del comportamento dei melanociti che,  a causa di fattori interni ed esterni, come meccanismo di difesa sviluppano un’ iperproduzione di pigmento.

Il melanocita che risiede nello strato profondo dell’epidermide, protegge le cellule negli strati superiori della pelle, producendo il pigmento e depositandolo nelle cellule epidermiche, al fine di prevenire danni cellulari.

 

Tradotto in parole “pratiche”,  eccoti un esempio:

immagina di essere in riva al mare a rilassarti, più sarà profonda e scura l’abbronzatura, più duramente avranno lavorato i melanociti per proteggere le cellule sane della tua pelle.

Un arco di tempo prolungato trascorso al sole fa immediatamente scattare un meccanismo naturale di difesa della pelle: la produzione eccessiva di melanina che stimola la comparsa di macchie scure sulla pelle e discromie.

 

 

 

Ci sono altri fattori che provocano macchie scure sulla pelle.

L’esposizione ai raggi UV è solo uno dei fattori che può mandare in tilt il melanocita, spingendola a produrre macchie melaniche, efelidi e discromie.

 

Il tono della pelle può cambiare anche a causa:

Ormoni: i fattori che provocano squilibri ormonali hanno ricadute anche sulla produzione eccessiva di pigmentazione da parte dei melanociti.

Questo può avvenire a causa di un cambiamento importante (pubertà, gravidanza, menopausa), assunzione di farmaci, malattie e stress.

Lo stress eccessivo può alterare i livelli di ormoni nel corpo e attivare i melanociti.

Infiammazioni: qualsiasi infiammazione della pelle può provocare un’ iperpigmentazione.

I fattori scatenanti potrebbero essere:

  • una cura della pelle inappropriata,
  • l’esfoliazione eccessiva,
  • un peeling chimico aggressivo,
  • danni allo strato epidermico superficiale,
  • mancanza di idratazione e protezione.

 

Tutti fattori che possono recare un colorito irregolare o portare alla formazione di macchie scure sulla pelle.

 

È interessante notare che sebbene i melanociti  risiedono nello strato basale, la maggioranza del pigmento in eccesso che depositano si colloca in uno strato più esterno.

 

 

 

 

Questo è un punto a tuo favore, ciò significa che le discromie della pelle possono essere attenuate efficacemente se si utilizzano i giusti prodotti di cura della pelle senza dimenticare che la prima strategia per evitarle è quella di prevenire la comparsa di macchie scure sulla pelle.

Macchie scure sulla pelle

E’ anche vero che l’avanzare degli anni è un dato di fatto, ed è sempre più difficile mantenere lo splendore della giovinezza, ma vorrei che ti fosse ben chiaro che non è assolutamente necessario mostrarne i segni!

 

A questo serve l’utilizzo regolare di trattamenti quotidiani che comprendono filtri in grado di bloccare ogni tipo di radiazione responsabile di stimolare la produzione di pigmento.

 

Il più delle volte, questa azione preventiva viene sottovalutata o considerata inutile.

Spesso si pensa di trovare una scorciatoia, per un’eliminazione facile e veloce delle macchie, nei trattamenti dermatologici come i peeling chimici e/o laser, senza considerare gli innumerevoli effetti collaterali.

 

È il caso dei peeling chimici che possono essere a base di acido retinoico, glicolico o triclororoacetico, quest’ultimo applicato sulla cute provoca infiammazioni evidenti come rossori, gonfiori, produzione di sieri e formazione di croste.

 

Oggi la ricerca e lo sviluppo nel campo della cura della pelle hanno fatto passi da gigante per cui è possibile ricorrere a trattamenti di ispirazione dermatologica che offrono benefici antimacchia a livelli professionali nella comodità di casa propria.

 

Come eliminare le macchi scure sulla pelle e regalare al proprio viso un aspetto radioso e compatto!

 Macchie scure sulla pelleSieri cellulari e trattamenti antimacchia sono prodotti costruiti in laboratorio, che fanno davvero la differenza non solo perché contengono ingredienti naturali, ma anche nella loro capacità di penetrare a livello cellulare.

I risultati delle applicazioni sono solitamente visibili in una o due settimane.

 

 

 

Tra i principi attivi è possibile vantare proprietà vegetali, antiossidanti come vitamine, acidi ed estratti botanici:

  • Acido L- ascorbico, vitamina C con effetti antiossidanti e protettivi
  • Alfa tocoferolo, antiossidante con effetti idratanti
  • Coenzima Q10, riattiva la rigenerazione cellulare
  • Ialuronato di sodio, con effetti altamente idratanti
  • Peptidi, attivatore di collagene ed elastina
  • Polifenoli, antiossidanti derivanti dalla frutta e dal tè verde
  • Vitamina B, dona resistenza alla pelle

 

 

Tutti i migliori prodotti per la cura della pelle del viso comprese le creme anti age più efficaci

contengono tutti questi elementi elencati che interagendo nella pulizia del viso fai da te permette di regalare al proprio viso un aspetto radioso e compatto.

Quindi una corretta routine giornaliera, diventa un impegno da seguire tutti i giorni ad ogni stagione.

 

Attenzione!

La tua routine giornaliera non deve limitarsi esclusivamente ad una cura della pelle dall’esterno, questo non è sufficiente ad attenuare le macchie scure della pelle e non può essere considerata una soluzione esclusiva per eliminare le macchie scure dal viso.

 

Un adeguato stile di vita unito ad una corretta nutrizione interna sono indispensabili al raggiungimento di uno stato di benessere totale.

 

Il cibo influisce tantissimo sulla condizione della pelle, infatti l’eccesso di zuccheri semplici e raffinati, nel loro processo di eliminazione stimolano la produzione di melanina e possono causare la spiacevole comparsa di macchie scure sulla pelle.

 

È possibile evitare questo processo ricorrendo ad alimenti anti age ricchi di vitamine “E” come, frutta secca e semi.

 

Assicura tutti i giorni al tuo organismo integratori anti invecchiamento naturali come:
noci, semi di canapa, di chia, di lino, di sesamo

poiché possiedono fattori protettivi unici come lignani e acidi grassi omega-3.

 

Ti lascio con l’ultima raccomandazione che ripeto in quasi ogni articolo ormai, ma che diventa necessaria per il tuo ottimale percorso di bellezza ovvero la COSTANZA.

 

C’è poco da dire, senza regolarità, perseveranza e fiducia si ottiene ben poco non solo nella cura della pelle ma nella vita in genere.

Un impegno costante e olistico rappresenta un ottimo esercizio a favore della tua bellezza e della tua personalità e questo consiglio vale anche se vuoi eliminare le macchie scure sulla pelle.

 

 

Ora che conosci queste soluzioni, prova a metterle in pratica!

Ci sono molte altre cose che possono aiutare la tua pelle ad avere un aspetto giovane e radioso, scoprilo scaricando gratuitamente il programma più adatto alla tua età e scopri tutto quello che c’è da sapere su come curare la pelle del viso.

come curare la pelle matura

Come curare la pelle a 20 anni

Colore dello smalto: come sceglierlo in base al tuo tipo di pelle

Vuoi scoprire come scegliere il colore dello smalto più adatto al tuo incarnato, dando così alle tue mani un aspetto perfetto?

 

Se anche tu vuoi prenderti cura personalmente delle tue mani, e averle sempre curate e brillanti, senza dubbio hai un obiettivo:

 

vuoi presentarti sempre raggiante con dello smalto d’impatto per essere sempre in prima linea.

 

Sembra un gioco da ragazzi, ma scegliere il giusto colore dello smalto, può essere davvero impegnativo, una volta difronte all’espositore di smalti l’indecisione prende il sopravvento.

 

Il più delle volte la scelta ricade sull’umore, sull’outfit del momento (abbinamento smalto abito) o sui gusti personali e non si considera l’elemento fondamentale in grado di rendere davvero uniche le tue mani, donandole brillantezza e che danno una forte impressione di essere sempre ben curate: come scegliere lo smalto adatto.

Scegliere il colore dello smalto adatto per ogni occasione aiuta a valorizzare il tuo aspetto e ti permette di attuare un piccolo trucco in grado di agevolarti a far risaltare la tua bellezza.

 

Per poter essere impeccabile ad ogni occasione, dunque hai bisogno d’imparare a scegliere il colore dello smalto adatto.

 

Per far questo ci avvarremo dell’armocromia.

 

L’armocromia, è una scienza, che permette di stabilire quali sono i colori che meglio si armonizzano con i toni naturali della pelle, attraveso la valutazione di diversi aspetti qualitativi: saturazione, temperatura, profondità, contrasto.

 

L’armocromia studia l’armonia dei colori e ci permette di scegliere il miglior abbinamento in base al proprio colore di pelle.

 

Sarà capitato anche a te di notare come un colore applicato sull’unghia non rendeva come avresti voluto, non s’intonava alla tonalità della pelle e di restare totalmente insoddisfatta del risultato finale.

 

Bene, a fine articolo questo resterà solo un brutto ricordo e, grazie all’armocromia, da oggi in poi ti sarà più facile scegliere abbigliamento e make-up giusto per ogni occasione.

 

Sperimentare colori nuovi e le ultime tendenze di stagione sono sempre idee divertenti, ma che spesso inducono all’indecisione.

 

Fare affidamento sulle regole dell’armocromia per scegliere il colore dello smalto adatto, ti permette di effettuare le scelte giuste in base alle caratteristiche cromatiche della tua pelle.

 

Sapendo in anticipo cosa non è adatto a te,

è come indossare un vestito che sai di scartare se il colore non ti dona per niente.

 

Prima di poter scegliere il colore dello smalto più adatto alla tua pelle, è indispensabile riconoscere il fattore che ti permette di identificare quello più adatto a te, senza possibilità di errore.

 

Potrai compiere la tua scelta circoscritta di colori adatti alla tua pelle una volta identificato il sottotono della pelle.

 

Con dei semplici accorgimenti, potrai finalmente creare dei looks impeccabili in ogni momento e per ogni occasione e sarai in grado di scegliere i colori di smalto in base al sottotono della tua pelle.

 

Per capirne di più!

Il sottotono, che non va confuso con il colore della pelle (chiara, scura, olivastra), rappresenta la temperatura cromatica dello strato più profondo della pelle e può essere caldo, freddo o neutro, inoltre permette di stabilire quali colori valorizzano la tonalità della pelle e quali invece non legano per nulla.

 

Inoltre, devi sapere che, definire il sottotono rappresenta, un indicatore chiave anche per il trucco, infatti, ti sarà utile anche nella scelta del fondotinta più adatto.

 

Questa regola vale anche per il trucco!

 

Come scoprire il sottotono della tua pelle e identificare il colore dello smalto più adeguato

colore dello smalto

 

Una volta stabilito il sottotono della pelle attraverso un semplice test che ti propongo di seguito, non sarà difficile scoprire il colore in grado di ravvivare la tua pelle, rendendola luminosa e conferendole un aspetto più sano.

 

 

 TEST DEL SOTTOTONO

 

  • Se in spiaggia ti esponi senza protezione solare, la tua pelle:
  1. si abbronza facilmente
  2. si scotta rapidamente

 

 

  • Di che colore sono i tuoi occhi:
  1. nocciola, verde, marrone chiaro – e/o hanno macchie oro o miele all’interno
  2. azzurri, grigio, marrone scuro o nero

 

 

  • Osserva le vene sul polso alla luce naturale:
  1. blu- verde
  2. blu-viola

 

 

  • Che tipo di gioielli valorizza la tua carnagione:
  1. oro
  2. argento

 

 

  • Da ragazzina di che colore erano i tuoi capelli:
  1. rosso rame, castani – ramati, biondo
  2. nero, biondo cenere, o qualsiasi tonalità di marrone senza sfumature rosse visibili

 

 

  • Quale colore di abito ti dona un aspetto migliore:
  1. avorio, beige e giallo
  2. bianco puro e rosa

 

 

 SCOPRI I RISULTATI

 

Se hai dato una maggioranza di A hai un sottotono caldo.

Una maggioranza di B indica invece un sottotono freddo.

 

Una volta che hai individuato il sottotono è finalmente arrivato il momento di scegliere il colore dello smalto!

 

Ci siamo!

 

Ovviamente non sarai costretta a dire addio alla metà del tuo guardaroba o del tuo beauty case!

 

Conoscere il tuo colore di base ti permetterà di valorizzare la tua bellezza e di minimizzare le imperfezioni della pelle.

 

Se hai ottenuto parità tra A e B, sei fortunata perché hai un sottotono neutro e puoi sbizzarrirti con le nuances che più preferisci, anche in base al colore dei tuoi occhi, capelli o a come ti vesti.

 

Prima di continuare, se questa lettura ti sta piacendo, ti chiedo di fare click su Mi Piace. A te costa un secondo del tuo tempo, per me invece è molto importante. Grazie davvero 🙂

 

È’ propri adesso che questa ricerca inizia a farsi interessante.

Esegui il test e dal risultato ottenuto eccoti i miei consigli di stile su come abbinare i colori dello smalto alla tua pelle.

 

colore dello smalto

 

Se come risultato, hai individuato il sottotono caldo, nel tuo incarnato prevalgono i bagliori giallo- olivastro, di conseguenza il tuo sottotono sarà valorizzato dai colori della terra come l’arancio, verde bottiglia, oro, giallo, pesca, rame e tutte le sfumature del marrone.

 

Il marrone, soprattutto il cioccolato, tra l’altro tornato di moda, crea un gioco tono su tono senza essere eccessivo.

 

Se preferisci i colori nude, il look più di tendenza nelle ultime stagioni, scegli tutte le sfumature del beige.

 

 

Se hai un sottotono freddo, la tua pelle risplende di riflessi rosa, rossi e anche bluastri. Ecco i colori che fanno per te:

 

  • Il bordeaux, è per eccellenza la tonalità più adatta sia in inverno e sia in estate, giacché esalta la forma della mano, in base alle ultime tendenze, questo colore può virare più sul prugna o sul marsala.

 

  • Via libera al fucsia, il viola, lilla, verde smeraldo, magenta, bianco puro, nero e argento e blu

 

  • Se si preferisce il rosso, scegliere una tonalità più fredda che vira al blu ovvero che contenga un po’ di fucsia all’interno.

 

  • Per un nude look scegliere rigorosamente le sfumature del rosa pallido con una goccia di toupe, che dona alle mani un effetto porcellana.

 

  • Tra i colori neutri tutte le sfumature di grigio, dal più scuro al più chiaro, sono perfette per il tuo incarnato rosato soprattutto se consideri un finish opaco.

 

 

Come puoi vedere la scelta è comunque ampia anche perché le case di moda riescono a creare nuance sempre più varie selezionabili e adattabili a ogni tipo d’incarnato.

 

Ricorda che indipendentemente dalla scelta del colore la chiave vincente per essere in prima linea è avere delle mani sempre curate.

 

Qualsiasi colore deciderai di indossare non potrà mai far risaltare le tue mani se manca la realizzazione di una manicure perfetta e impeccabile qualsiasi sia il colore dello smalto.

 

Come eliminare le occhiaie: rimedi per togliere le borse sotto gli occhi

Se cerchi dei rimedi estetici per come eliminare le occhiaie, sei nel posto giusto!

 

Permettimi di essere diretta con te fin da subito, qui non troverai l’ultimo prodotto che fa miracoli, e sai perché?

 

Perché miracoli a lungo termine nessun prodotto può farli, in quanto creme e correttori occhiaie possono essere una  buona soluzione temporanea, ma resta un rimedio marginale e non determinante per eliminare definitivamente il problema delle occhiaie e borse sotto gli occhi.

 

Molte delle persone che giornalmente si ritrovano a combattere le occhiaie, prima di ricercare rimedi per togliere le borse sotto gli occhi, dovrebbero considerare quali fattori le causano, così da prevenirle, ridurle e con il tempo eliminare il problema e non continuare a ricercare rimedi per sapere come nascondere le occhiaie.

 

Se le occhiaie e le borse sono presenti e ben visibili, non si possono eliminare, al massimo si possono nascondere le occhiaie per renderle meno visibili.

 

Per far questo, spesso si ricorre a prodotti esternamente trascurando che il contorno occhi è una zona molto delicata che si gonfia facilmente, la pelle è molto più sottile e meno grassa e di conseguenza i vasi capillari sono più visibili.

 

In questa zona il fenomeno dell’invecchiamento avviene prima rispetto al resto del viso e ha inizio dai 25 anni.

Con i primi segni di disidratazione, occhiaie e gonfiori, a chiunque sarà capitato di correre ai ripari utilizzando regolarmente una crema contorno occhi.

 

 

Ti sarai reso conto che molti di questi cosmetici non ti permettono di trovare una soluzione definitiva e  capire come eliminare le occhiaie diventerà sempre più frustante se si continua a trascurare il problema fondamentale.

Come eliminare le Occhiaie

 

Molti creme antirughe o correttori per le occhiaie, infatti possono essere ingannevoli e inefficaci se privi di principi attivi in grado di riassettare la cute invecchiata .

 

Donano al viso solo un effetto temporaneo per camuffare le occhiaie, ma non le eliminano!

 

 

Tuttavia, ci sono dei rimedi naturali che permettono di attenuare le occhiaie e con i seguenti consigli scoprirai come potrai addirittura evitare che si formano.

Quindi, la prima cosa che hai bisogno di fare è conoscere quali sono le cause che formano le occhiaie e quelle antiestetiche borse sotto gli occhi.

 

 

 

  • Per prima cosa, inizia con l’andare a letto presto!

La mancanza di sonno è la prima causa delle occhiaie, 7-8 ore di sonno per notte sono la giusta dose per la maggior parte delle persone.

 

 

Se cerchi dei rimedi naturali per prevenire la formazione delle occhiaie in modo semplice ed economico, puoi finalmente conoscere come eliminare le occhiaie attraverso i seguenti consigli!

 

Di seguito ti elenco alcuni accorgimenti che ti permetteranno di prevenire la formazione delle occhiaie e delle borse sotto gli occhi, così da non dover ricorrere a dispendiosi escamotage per nasconderle.

 

 

 

  • Evita gli zuccheri e aumenta gli antiossidanti.

Gli antiossidanti diminuiscono le infiammazioni del corpo tra cui la tua pelle. Prediligi quindi fagioli, cavoli di Bruxelles, verdure a foglia verde scuro, ed evita l’alcol.

 

 

  • Indossa gli occhiali da sole.

Sia chiaro non per nascondere le occhiaie! A questo ci pensa un buon correttore naturale. Il sole indebolisce il collagene responsabile di una pelle più soda, ciò significa che i vasi sanguigni sono più fragili e hanno maggiori probabilità di rompersi, liberando il sangue nei tessuti. Questo fenomeno permette all’area del contorno occhi di scurirsi formando le occhiaie.

 

Come eliminare le Occhiaie

 

  • Un buon drenaggio linfatico o un delicato massaggio intorno agli occhi, viso e collo è un buon mezzo per aiutare la pelle di questa zona a restare giovane ed elastica.

 

 

 

Lo sapevi che…

Molti dei migliori rimedi naturali per occhiaie provengono dalla cucina?

 

 

  • Un impacco di latte aiuterà ad illuminare e ridurre la pelle scura e lenire irritazioni grazie alla sua combinazione di acido grasso e lattico.

 

 

  • La parola d’ordine è: Idratare. Cercare una crema idratante leggera con ingredienti lenitivi e naturali è l’ultimo consiglio che ti do, ma può essere il primo passo per dire per sempre addio alle occhiaie! 😉

 

 

 

Con questi consigli ora conosci i fattori che incidono sulla formazione delle occhiaie e come puoi prevenirle.

Agire in anticipo è sicuramente il rimedio più efficace e iniziando a seguire questi consigli e modificando alcune abitudini, con l’utilizzo di prodotti nutrienti per la pelle, potrà rivelarsi la soluzione definitiva e lasciare nel passato la domanda come eliminare le occhiaie.

 

Sono stati tutti svelati tutti i Segreti di Bellezza, prova a metterli subito in pratica!

Ci sono molte altre cose che possono aiutare la tua pelle ad avere un aspetto giovane e radioso, scoprilo scaricando gratuitamente il programma più adatto a te e scopri tutto quello che c’è da sapere sulla cura della pelle.

come curare la pelle matura

Come curare la pelle a 20 anni